martedì 20 ottobre 2009

Fotografando si impara !

Il titolo sembra una ovvia verità, ma vi assicuro che non è così.
Potrete frequentare corsi, leggere articoli e comprare manuali, ma non vi serviranno mai a nulla se non applicherete i concetti teorici assimilitati ad un pò di sana  pratica e spesso, la pratica, vi farà capire quanto alcuni concetti non siano sempre del tutto corretti.
Quindi il mio primo consiglio è FATE TONNELLATE DI FOTO ! Esercitatevi su un soggetto o un paesaggio o una situazione particolare, cercate di applicare i concetti che avete studiato e poi guardate i risultati. Le prime volte noterete che il 95% delle foto saranno da cestinare, ma non abbattetevi. Sperimentare tutte le impostazioni della vostra fotocamera, vi permetterà di prenderne la massima padronanza.Confrontate le foto simili tra loro, osservate i dettagli, valutate i settaggi utilizzati nelle proprietà delle foto e siate sempre molto critici con voi stessi.Con il passare del tempo, vi accorgerete che non scatterete più 100 foto allo stesso soggetto per scoprire poi che ce ne sarà una o due decenti, ma ne scatterete 20 o 30 e saranno quasi tutte buone. Ah un altro consiglio fondamentale....fidatevi del vostro istinto e della vostra creatività ! Le regole base della fotografia vanno bene per imparare, ma poi è la vostra fantasia e il vostro intuito a fare la differenza tra una bella foto e una foto meravigliosa.
A tal proposito voglio condividere con voi uno scatto che ho effettuato durante il Photoshow 2009 di Milano presso lo Stand Canon. Putroppo c'era un pò di ressa e non è stato facile realizzare dei scatti decenti (sul mio sito ne troverete alcuni). Alla fine, il risultato che a prima vista può sembrare molto buono, è stato in realtà poco più che soddisfacente. La mancanza di luce e di stabilità ha permesso di realizzare delle foto non del tutto nitide per le quali è stato successivamente necessario un pò di lavoro in  post-produzione.
Per questa foto in particolare, ho successivamente scelto il B/N, in quanto rispetto all'orginale a colori, ha permesso di dare più enfasi e risalto alla "momento" colto permettendo anche di rendere meno visibili alcune imperfezioni dovute alla nitidezza.
La distanza della modella dalla parete di fondo ha permesso che il fondale risultasse piuttosto scuro rispetto all'originale (che era bianco). L'utilizzo di un obbiettivo di media lunghezza (24-85mm) ha fatto il resto.
Dal mio punto di vista, la scelta migliore per questo tipo di situazioni rimane sempre un obbiettivo a focale fissa molto luminoso. Molti fotografi preferiscono utilizzare anche teleobbiettivi piuttosto spinti. I risultati sono ovviamente diversi, ma dipende anche da cosa si vuole ottenere e lo scopo a cui sono destinate le foto.

Sotto le caratteristiche Exif dello scatto (ovvero le impostazioni usate sulla fotocamera) :

(Velocità otturatore) 1/100
(Valore diaframma) 4.5
ISO 800

Se avete dubbi o curiosità non esitate a contattarmi !!! Cercherò di rispondervi per quanto mi è possibile ! :-)

1 commento:

claudia ha detto...

men e sto rendendo conto maestro..se non ti conoscevo..continuavo a fatografare senza rendermi nemmeno conto di cosa facessi realmente..vorrei citare un grande maestro, ma credo tu lo sai meglio di me cosa intendo dire ;)